Author

Rita Maresca

Rita Maresca

<p>L’ horror è una costante delle mie giornate, ho ereditato questa passione dal mio papà. Credo fermamente che questo genere possa trasmettere tanto, chi pensa il contrario dovrebbe soltanto dedicarcisi un po’ di più .</p>

evidenza
storie vere,

BILL RAMSEY-IL LUPO MANNARO INDEMONIATO

no comment

La letteratura e la cinematografia hanno ben contribuito a renderci vivida l’idea di lupo mannaro. Se tutto ciò che abbiamo visto e letto riguardo questa creatura potesse in qualche modo esistere, ci credereste?! Ecco dunque la storia di Bill Ramsey, altrimenti conosciuto come il lupo mannaro indemoniato. 

Nel 1991 i coniugi Warren si dedicano alla creazione di una sorta di compendio, che contiene la descrizione della storia di Bill Ramsey. Quest’ultimo attirò l’attenzione dei Warren grazie alla sua partecipazione a una puntata di un noto talk-show inglese. Ma prima di allora la vita di Bill non era stata molto semplice. Tutto ebbe inizio quando Bill a soli 9 anni si trovò  in balia di un attacco incontrollabile di rabbia, che lo vide protagonista di una repentina aggressione ai danni del padre e poi successivamente anche di alcuni compagni di giochi. L’occhio vigile dei genitori non fu in grado di limitare i danni di queste fasi violente. Per molti anni Bill convisse con questo problema, che lo affliggeva non poco. Egli divenne falegname, mise su famiglia. Finchè nel 1983 non fu vittima di una crisi di violenza così forte da dover recarsi in ospedale, ivi aggredì una infermiera strappandole quasi un braccio. L’episodio con il medesimo tenore di violenza si svolse anche in un’altra occasione, durante la quale però l’animo fu placato da ben 6 poliziotti. 

L’intervento dei Warren fu caratterizzato dalla collaborazione di più persone, partendo dalla moglie di Bill, per passare all’esperto di paranormale John Zaffis ed infine il vescovo McKenna. L’esorcismo fu portato a termine proprio a Southend-on the sea, località inglese in cui Bill era nato e cresciuto. Non appena si concluse l’esorcismo, Bill dichiarò di sentirsi leggero, sensazione che (forse) non aveva effettivamente mai provato. 

 

 

 

 

Possession-640x479
storie vere,

ARNE JOHNSON-L’ASSASSINO INDEMONIATO

no comment

Devil made me do it”/”Il diavolo me l’ha fatto fare”, questo è il sunto della linea difensiva che fu usata nel processo che vedeva la Corte Superiore del Connecticut contro Arne Cheyenne Johnson, accusato dell’omicidio di Alan Bono, quarantenne suo proprietario di casa. Il processo si concluse il 24 Novembre 1981 con la condanna di Arne, decisione presa dalla giuria dopo tre giorni di attenta ponderazione. Solitamente la pena in casi del genere va dai 10 ai 20 anni di reclusione, Arne scontò solo 5 anni, evidentemente la linea difensiva aveva sortito un qualche effetto! Per comprendere meglio i fatti conviene però fare riferimento al precedente di questa macabra storia.

Nel 1980 la famiglia Glatzen sta attraversando un periodo decisamente particolare, soprattutto a causa delle strane storie di David, il piccolo di casa. Il bimbo infatti asserisce di percepire una oscura presenza, egli stesso la assimila a un demone, che non ha buoni propositi nei suoi confronti e in quelli dalla famiglia. La signora Glatzen si allarma allorquando il figlio le descrive in modo particolareggiato una creatura mostruosa e animalesca provvista di corna e della capacità di parlare altre lingue. A quel punto la famiglia entra in contatto con i coniugi Warren, i quali diranno successivamente di aver sottoposto David a ben 3 esorcismi. Qualcosa però non era andata nel verso giusto! Durante uno degli esorcismi era presente anche Arne Cheyenne Johnson, fidanzato di Debbie Glatzen, sorella di David. Arne, in base alle informazioni, si sarebbe rivolto ai demoni con un invito, quello cioè di possederlo. 

Da quel momento Arne non ebbe pace. Debbie, durante il processo, confesserà infatti che il compagno aveva strani incubi, spesso lo ritrovava tremolante accanto a se mentre digrignava violentemente i denti. Una sera Arne si trovò in compagnia di Alan Bono, le dinamiche che compongono gli ultimi momenti di vita di Alan sono confusi e incerti. L’unico dato sicuro attiene alla morte di Alan, risulta infatti che costui fu accoltellato violentemente 3 volte, finchè non morì agonizzante. Siamo in una piccola e ridente cittadina, estranea a certi atti di pura e immotivata crudeltà, questo incrementò l’attenzione dei media, che si cibò della notizia ricamando su determinati aspetti, che ancora oggi risultano poco chiari. 

A due anni dalla fine del processo venne prodotta una pellicola, intitolata The Demon Murder House. La trama si ispira a questa storia, e vede protagonista un giovanissimo Kevin Bacon, che per l’appunto interpreta il ruolo del giovane Arne. Intorno al 1989 la pellicola giunse in Italia, intitolata Ostaggio per il demonio. Il caso di Arne Cheyenne Johnson, o meglio il caso ”Demon Murder Trial” è ancora oggi coperto da un grosso punto interrogativo. Credere alla possessione o affidarsi alla logica scientifica che suppone un disturbo psichiatrico?!

 

halloween (1)
news horror,

I REMAKE CHE VEDREMO NEL 2018!

no comment

Il 2017 è da ritenersi, a parer mio, un’ottima annata per il genere horror. Ma, come si suol dire, si può sempre fare di meglio! Diamo dunque una fugace occhiata a cosa ci aspetta nel 2018. 

 

Nel 1957 George Langelaan scrisse il racconto La Mosca, esso ispirò il regista Kurt Neumann per la creazione della pellicola L’esperimento del Dottor K (1958), seguirono altre due pellicole fino al 1986, anno in cui David Cronenberg decise di dirigere un remake della trilogia, fece dunque la sua uscita nelle sale La mosca, con Jeff Goldblum nei panni di uno scienziato che, dopo una serie di eventi ”spiacevoli”, sarà vittima della sua stessa invenzione.

 Nel 2018 ci sarà modo di rivedere un remake della suddetta pellicola. Il film in questione vanta la regia di J.D. Dillard, la trama risulta molto rivisitata.

Un giovane mago di strada, dopo la morte della madre, dovrà prendersi cura della sorella. Per fare ciò entrerà nel brutto giro della droga, ciò causerà il rapimento della sorella! Sarà allora che si appellerà alle proprio capacità ”magiche” per salvarla.

Jamie Lee Curtis torna a vestire i panni di Laurie Strode in un nuovo Halloween. L’Universal Pictures distribuirà la pellicola a partire da Ottobre 2018, David Gordon Green è il regista di questo capitolo della saga. John Carpenter, per questa volta, sarà produttore esecutivo, la sua presenza è dunque da ritenersi garanzia di qualità. In base alle indiscrezione questo nuovo capitolo si legherà ad Halloween II-Il signore della morte (1981). Al momento non ci sono altre informazioni relative alla trama.

Conjuring-Nun-Man-Facebook-Thumb
news horror, novità film horror,

VALAK E L’UOMO STORTO – FILM IN ARRIVO

no comment

 

L’evocazione-The conjuring è un universo in continua espansione, partendo dal primissimo capitolo che risale al 2013, fino ad arrivare al secondo capitolo del primissimo spin-off Annabelle-The creation, uscito questa estate nelle sale cinematografiche, e aggiungerei non deludendo le aspettative. I fan più accaniti, e non solo, saranno soddisfatti nel sapere che ci saranno altri due spin-off, in molti erano al corrente di qualche rumors relativo a The Nun alla lista però va aggiunta una nuovissima new entry, Crooked Man. Vediamo un pò da vicino di cosa si tratta.

The Crooked Man, alias L’uomo deforme, è il personaggio interpretato da Javier Botet in The Conjuring 2. Mike Van Waes curerà la sceneggiatura della pellicola, mentre la produzione è firmata James Wan. Il personaggio è stato estrapolato da una antica filastrocca inglese. La pellicola verrà portata nelle sale nel 2019.

The Nun, le cui riprese sono ormai concluse, di fatti la pellicola è ora in fase di montaggio, vedrà la luce a  Luglio 2018. La regia è stata affidata a Corin Hardy, che a fine riprese ha postato la seguente foto, quasi a celebrazione del lavoro ultimato. 

In base alle informazioni dovremmo vedere sul grande schermo Bonnie Aarons nei panni della suora demoniaca Valak, al suo fianco Taissa Farmiga e Charlotte Hope che interpreteranno rispettivamente sorella Irene e sorella Victoria. Il film sarà ambientato negli anni 50”, lo sceneggiatore ha inoltre aggiunto che la pellicola si distaccherà stilisticamente dalla saga principale, soprattutto per scelte contenutistiche. Non ci resta che stare comodi e attendere il loro arrivo!!

3
recensioni,

1921 IL MISTERO DI ROOKFORD – RECENSIONE [RITA]

no comment

Credere o non credere, questi sono i due blocchi sui quali si articola la pellicola 1921 Il Mistero di Rookford. La regia è firmata da Nick Murphy, si può dire che questa pellicola lo abbia consacrato al genere horror! Personalmente spero che prima o poi si faccia vivo con qualche altra opera di regia. La trama è un susseguirsi intenso di colpi di scena, che trattengono lo spettatore dinnanzi allo schermo.

Florence è una sorta di detective, sempre alla ricerca di una spiegazione scientifica che possa giustificare un evento paranormale! La sua razionalità però dovrà vacillare dinnanzi a qualcosa di misterioso, e non scientificamente spiegabile. Siamo in un collegio nel cuore di  Rookford, i bambini dicono che ”c’è un fantasma!!” sarà vero?! Parallelamente ci vengono proposti flashback poco nitidi che hanno come protagonista proprio Florence. Quel posto la metterà dinnanzi al suo passato sulle note impetuose di una musica classica anche noi, accanto a lei, scopriremo una difficile quanto inaspettata verità.

Va detto che il cast non è di certo mal-fornito, Imelda Stauton (che qualcuno ricorderà in Harry Potter spiacevolmente) è qui una governante che nasconde un bel segreto, ella è inoltre affiancata da Dominic West, viso non sconosciuto al nostro genere horror.  Il finale lascia un bellissimo punto interrogativo, una sorta si sospensione tra reale ed irreale. Tocca allo spettatore sentenziare! Per me è un validissimo 9.

Obit-Billy Milligan
storie vere,

BILLY MILLIGAN- IL CASO DI CRONACA DA CUI SI ISPIRA SPLIT

no comment

Sono davvero numerose le pellicole basate su eventi realmente accaduti, per noi amanti dell’horror questa coincidenza rende tutto molto più ”interessante”! Split, pellicola diretta da M. Night Shyamalan, è liberamente ispirata a una storia vera. James McAvoy ha vestito dunque i panni di William Stanley Milligan, ribattezzato dalla cronaca Billy Milligan. 

A soli 9 anni Billy subì abusi da parte del patrigno, da allora divise la sua unica personalità in 23 frammenti, ognuno dei quali era un soggetto/personalità a se stante. Durante uno dei suoi ricoveri Billy fece un disegno, trasferendo così ciò che aveva nella mente su carta. 

Billy chiamava ”gli indesiderati” le sue  numerose personalità, addossò loro la colpa del rapimento e dello stupro ai danni di 3 studentesse, ciò accadeva nel 1977. Billy disse infatti che tutto avuto luogo a causa di una scommessa fatta da Adalana, 19enne lesbica, una tra le meno equilibrate delle personalità tracciate. La prima personalità in assoluto fu quella di Christene, bimba di 3 anni dislessica; a Christene nel corso degli anni se ne affiancarono delle altre, come Arthur 26 anni un ragazzo londinese che scriveva in arabo,   Ragen Vadascovinich 23 anni iugoslavo dotato di una forza sovrumana. Nel corso degli anni Billy riuscì a fondere tutte le personalità in un unico soggetto, che venne soprannominato Il Maestro. I trattamenti sanitari a cui fu sottoposto furono numerosi, e provocarono l’incapacità di tenere unite tutte le personalità, Billy morì a 59 anni in una casa di cura.

f9c31574fd0b4561924c5099cef01f0c_compressed
recensioni,

SPLIT-RECENSIONE

no comment

Split è una pellicola decisamente molto interessante! Quando si parla di Shyamalan, regista anche  de Il sesto senso  e The visit, è inevitabile chiedersi ”come finirà questo film?”. Shyamalan ormai con i suoi lavori ci ha abituati a delle sorprese davvero non di poco conto, personalmente posso dire che con Split ha dato una ulteriore conferma di questa sua peculiarità stilistica. 

Nella pellicola ci vengono proposte tematiche di particolare spessore, come il bullismo, gli abusi perpetrati a danni di minori ed infine vi è il riferimento ben articolato alle teorie dei disturbi dissociativi della personalità. Proprio qui il cammino di noi spettatori viene ampliato attraverso l’uso tattico di riferimenti scientifici, che non sono per nulla inattendibili. Bisogna riconoscere che James McAvoy, protagonista/i di Split, ha dato gran prova del proprio talento. Parliamo un pò della trama.

Casey, Claire e Marcia vengono rapite da ”un” uomo, che le tiene rinchiuse in una sorta di stanzino. Quale destino spetterà loro?! Mentre le tre cercano una via di fuga, noi spettatori facciamo nuove conoscenze. Ci viene proposta infatti la personalità di Hedwig, un bimbo di 9 anni, che ci fornisce molte informazioni riguardo le altre personalità, che di tanto in tanto vogliono la luce. La dottoressa Fletcher, che ha diagnosticato il disturbo dissociativo di personalità a Kevin, si trova ad incontrare Barry, altra personalità di Kevin, una delle più equilibrate! La dottoressa si allerta nel momento in cui comprende che su tutte le personalità tracciate hanno prevalso Dennis e Patricia. 

Non svelerò altri elementi, poichè credo che il film meriti di essere visto. Dato il finale è ormai non più mistero che il buon Shyamalan abbia deciso di lavorare a un sequel, la cui uscita è prevista per il 2019. La pellicola sarà la connessione tra Split e Unbreakable-il predestinato (2000).

VOTO 8

 

2-gremlins
news horror,

GREMLINS 3, SCENEGGIATURA CONCLUSA

no comment

Chris Columbus ha rilasciato una intervista alla SlashFilm, in base alla quale è da ritenersi conclusa la stesura della sceneggiatura del terzo capitolo di Gremlins. Cosa vedremo in questa futura pellicola?! Columbus si è sbilanciato dicendo che

Lo script è oscuro e diverso da tutto ciò che ho scritto in precedenza, e devo essere onesto, in questo film ci saranno molte morti.

Nel primo capitolo della saga, che vanta la direzione di Joe Dante abbiamo visto i Gremlins trasformarsi, ci siamo ”affezionati” a Gizmo, in questo nuovo capitolo sembra invece che tutto andrà a concentrarsi sulla distruzione di queste creature. 

Le creature saranno bruttine, ho deciso di limitare l’uso di CGI ai soli fili che le muoveranno, così da facilitare il lavoro dei burattinai

Così conclude Columbus, a noi non resta che aspettare!

Screen-Shot-2017-08-16-at-9.04.55-AM
news horror,

THE BEAST IS AN ANIMAL-IL NUOVO FILM DELLA AMAZON STUDIOS

no comment

In base alle informazioni rilasciate da Variety, Amazon Studios e Scott free, di Ridley Scott,  hanno preso accordi per produrre la versione cinematografica del romanzo sci-fi ”The Beast is an Animal”, frutto della penna di Paternelle van Arsdale. 

Alys a soli sette anni vede per la prima volta le fameliche Mangiatrici di Anime, che sono in realtà delle gemelle abbandonate da tutti e guidate da ciò che si crede essere un essere demoniaco. Ormai adolescente Alys dovrà farsi coraggio e cercare di riportare la pace nel luogo in cui è cresciuta.

Amazon Studios ha inoltre in atto le trattative per affidare a direzione cinematografica di questa storia dal sapore gotico al duo Bert&Bertie. Essi collaboreranno con Amazon Studios anche per la direzione di Troupe Zero.

LIGHTS OUT
recensioni,

LIGHTS OUT-TERRORE AL BUIO (RECENSIONE)

no comment

Nel 2013 David Sandberg diresse un cortometraggio della durata di 3 minuti, questi bastarono ad attirare l’attenzione di James Wan, che decise di lavorare, come produttore, alla creazione di una versione cinematografica. La regia fu affidata allo stesso Sandberg, Lights Out- Terrore nel buio fu un successo sia al botteghino sia per la critica.

Martin e la sorella Rebecca si trovano a dover prima riconoscere e poi cercare di sconfiggere una presenza oscura e maligna, che prende piede nelle loro esistenze con lentezza e decisione.

La pellicola si articola prima sulla ricerca della verità poi sulla voglia di ”riaccendere la luce”. Sarà però l’aiuto della madre Sophie a portare una svolta a tutta la storia. 

Questo film è assolutamente da non perdere sia per la trama sia per la resa scenica.

Voto 8

 

 

Screen-Shot-2017-07-31-at-8.26.01-AM
news horror, novità film horror,

MOTHER!- ECCO IL TEASER TRAILER

no comment

Questo 2017 non smette di stupire noi amanti del genere horror! Vi avevamo già detto qualcosa riguardo ‘Mother!’, la pellicola firmata Darren Aronofsky. Sappiamo infatti che il cast è ben fornito, e vanta la presenza di Jennifer Lawrence, Michelle Pfeiffer, Javier Bardem e Ed Harris. Proprio oggi è uscito il teaser trailer del film!

http://https://www.youtube.com/watch?v=_0NF2YP7SU8

Questi pochi secondi non sembrano disattendere le aspettative relative a un horror psicologico. La pellicola debutterà al Festival di Venezia, a noi non resta che pazientare fino all’uscita italiana prevista per l’1 Novembre!

 

 

Screen-Shot-2017-07-20-at-11.03.52-AM
news horror,

LE NUOVE TRAPPOLE DI JIGSAW

no comment

Jigsaw sta tornando bello carico! I fratelli Spierig, che hanno curato la regia di questo nuovo capitolo della saga, hanno sicuramente dato vita a un nuovo intreccio di giochi mortali. Andiamo a vederli meglio! 

Come mostrano le immagini, vi sono 5 vittime legate con una catena e una lama rotante pronta a falciare qualche testa, così almeno sembra andrà ma è tutto da vedere. Qui si evidenzia una ripresa dello stile splatter ed enigmatico che sin dal primo capitolo accompagna questa saga.

Andando avanti con i frame ci troviamo dinnanzi a uno spettacolo di certo non ignoto a chi ha amato questa saga, chi può dimenticare la ”Angel Trap” del terzo capitolo??! Questa che ci viene proposta è però in versione più piccola, come si può notare dalle immagini, forse è stata studiata per smembrare qualche testa, non ci resta che vedere quali sono le intenzioni di Jigsaw, questo anche per quanto riguarda il ventaglio di siringhe, che verranno somministrate ai superstiti di questa avventura!

Dal trailer è palpabile una tensione costante e crescente, che viene coronata dal ”Silo mortale”, un gioco quest’ultimo basato sulla pressione e il lento soffocamento della vittima, che si ripercuote sullo spettatore con una avida sensazione di oppressione. Stesso gioco psicologico viene fatto con la capsula in rosso, stile navicella spaziale, chissà qui quale triste destino spetterà alla vittima! 

Jigsaw si dimostra al passo con i tempi! una sorta di evoluzione tecnologica lo vede infatti attrezzato di collare laser pronto forse a esplodere mortalmente. 

 

Per chiudere questa piccola carrellata direi che si può fare riferimento a quella che reputo una delle migliori trappole, si tratta infatti di una moto sospesa a mezz’aria le cui ruote posteriori sembrano in procinto di agguantare la vittima e non risparmiarla a un triste e inglorioso destino. 

Non ci resta che aspettare l’uscita di questo ottavo capitolo, che si preannuncia fedele alla saga ma portatore anche di qualche novità stilistica.