Connect with us

novità

IL POSTER DEL NUOVO FILM JIGSAW DAL COMIC-CON

Published

on

Jigsaw is back

È stato un turbine di tortura per noi fan di SAW questa settimana, poiché Lionsgate non solo ha condiviso il trailer ufficiale dell’ottava pellicola del franchise, ma ha anche rilasciato una serie di nuove immagini e manifesti che descrivono i nuovi discepoli che prenderanno parte nel film. Ora, Lionsgate ha scoperto una nuova loandina per il film Comic-Con. (SEGUITE IL LINK)

Nel nuovo film …

Gli organi di polizia seguono una pista che sembra ricordare gli omicidi dell’omicida ormai morto e sepolto. Qualcuno sta replicando gli omicidi o il vero “Jigsaw” è in qualche modo tornato.

Il nuovo capitolo della saga a lungo termine è stato classificato come “R” per “Gridly Bloody Violence and Torture”.

Capiamo che né Costas Mandylor né Cary Elwes torneranno ad interpretare i loro rispettivi personaggi, entrambi finiti per diventare apprendisti Jigsaw nei precedenti capitoli. Per quanto riguarda l’originale Jigsaw stesso, Tobin Bell tornerà in una certa capacità.

Il cast comprende anche Mandela Van Peebles, Laura Vandervoort, Brittany Allen, Callum Keith Rennie, Matt Passmore, Hannah Emily Anderson, Josiah Black, Shaquan Lewis, Michael Bolsvert e James Gomez.

Jigsaw è stato scritto da Josh Stolberg e Pete Goldfinger (Piranha 3D e Sorority Row).

LOCANDINA COMIC-CON

JIGSAW - COMIC CON

Nato a pane e horror, fin da subito sviluppa una particolare ed accesa passione verso il mondo del cinema horror. La cosa non si è mai attenuata, ma anzi viene accentuata dopo la creazione di Horror Stab.

Advertisement
Comments
Advertisement

 

Visualizza questo post su Instagram

 

La vera storia della bambola assassina! STORIA COMPLETA👇 Siamo nel 1906 quando Robert Eugene Otto, a cinque anni, ricevette in regalo, da un servitore di origini africane, una bambola. Secondo la leggenda, tale servitore era un praticante della magia nera e di rituali voodoo, che gli donò la bambola per lanciargli una maledizione. Robert il bambolotto, omonimo del suo nuovo piccolo padrone diede il via a svariati inquietanti episodi: i genitori erano del parere che la bambola parlasse e i vicini sostenevano di averla vista addirittura muoversi durante la loro assenza, notando i suoi movimenti da una finestra all’altra parte della casa. Secondo alcune fonti, Robert Eugene era davvero ossessionato dalla bambola, al punto che da adulto, dopo essersi sposato con sua moglie Anne, fece allestire nell’abitazione di famiglia un’intera stanza per il piccolo Robert con tanto di mobili in miniatura. La moglie Anne dubitò più volte della sanità mentale del marito e spesso, nascondeva la raccapricciante bambola in soffitta; ma il legame tra Robert la bambola e Robert Eugene era troppo forte per essere spezzato, riuscivano sempre a ritrovarsi. Fino alla sua morte, avvenuta nel 1974, Robert Eugene sosteneva che la bambola fosse maledetta.La bambola rimase in soffitta fino a quando la casa non venne acquistata da un’altra famiglia. La nuova famiglia aveva una bambina di dieci anni, che trovò la bambola girovagando per la casa. Una notte la bimba gridò e affermò ai suoi genitori che la bambola l’aveva aggredita, nel tentativo di assassinarla. Ancora oggi, da adulta, continua a sostenere la presunta vitalità di Robert. Robert Oggi la bambola si trova ancora nella casa di Eugene, trasformata in un museo locale chiamato East Fort Martello Museum, dove desta ancora oggi molta curiosità e divenendo la maggiore attrazione della città. Infatti, secondo le varie testimonianze dei visitatori, i poteri paranormali della bambola sono ancora attivi. #dark #legend #scary #horror #creepy #death #mystery #horrormovies #notte #darkmemes #paranormal #storia #horrorart #fotodelgiorno #horroraddict #horrorjunkie #horrorfanatic #horrorfilm #horrorfamily #horrorcollector #horrorclub #horrorstories

Un post condiviso da Horror Stab - Storie Horror (@horror_stab) in data: