Connect with us

storie horror vere

LA STORIA DELLE SORELLE FOX – LE BAMBINE CHE INVENTARONO LE SEDUTE SPIRITICHE

Published

on

Uno dei più grandi movimenti religiosi del XIX secolo cominciò nella camera da letto di due giovani ragazze che vivevano in una fattoria a Hydesville, New York. 

In un giorno di fine marzo del 1848, Margaretta “Maggie” Fox, 14 anni, e Kate, sua sorella di 11, andarono a chiamare un vicino,  desiderose di condividere un fenomeno strano e spaventoso.

Fu la madre a mandare a chiamare l’amico, voleva mostrare cosa fossero in grado di fare le proprie figlie ed essere tranquillizzata sul fatto che non avesse allucinazioni.

Raccontò che ogni notte, le due ragazzine, parlavano con delle entità ultraterrene, che tramite “KNOCK” al di la della parete, rispondevano alle domande, in modo coerente e veritiero.

La signora Fox mise alla prova le ragazzine, dicendo loro di chiedere all’entità di contare e rispondere a semplici operazioni matematiche, in base al risultato, lo spirito avrebbe dovuto battere dei colpi sul muro. Il vicino rimase senza parole dopo il risultato inatteso e sapendo che nella casa non c’era nessun altro; continuava a chiedersi come fosse possibile.

La famiglia Fox invece fu costretta a trasferirsi. La casa, dopo quel 31 Marzo, non fu più il nido accogliente che aveva sempre rappresentato. L’irrequietezza delle ragazze, si face sempre più problematica. Strane cose accadevano la notte. Mobili che si spostavano e cadevano senza essere sfiorati, incubi e apnee notturne. Nessuno più riusciva a riposare in quella casa e stava portando tutti alla follia.

La famiglia Fox abbandonò la casa e mandò Maggie e Kate a vivere con la loro sorella maggiore, Leah Fox Fish, a Rochester.

La storia delle sorelle Fox avrebbe potuto morire se non fosse stato per il fatto che Rochester era un focolaio di riforme e attività religiose; la stessa zona, la regione dei Finger Lakes dello Stato di New York, ha dato vita al Mormonismo e al Millerismo, il precursore degli “avventisti del settimo giorno”. Proprio i leader di questa comunità, Isaac e Amy Post furono affascinati dalla storia delle sorelle Fox e dalla successiva voce, secondo cui lo spirito che dialogava con le ragazze ad Hydesville, probabilmente apparteneva a un venditore ambulante che era stato assassinato nella fattoria cinque anni prima.

Un gruppo di residenti di Rochester esaminò la cantina della casa della Fox, scoprendo ciocche di capelli e quelli che sembravano essere frammenti di ossa.

 

I Post invitarono le ragazze a un raduno a casa loro, ansiosi di vedere se riuscissero a comunicare con degli spiriti anche in un altro luogo, differente dalla casa in cui erano cresciute.

 

Credo di aver osservato con tutta l’incredulità che provava Tommaso vedendo Gesù morto e risorto

Cosi scrisse Isaac Post, ma il suo scetticismo iniziò a incrinarsi quando sentii colpi molto distinti provenire dal pavimento e le risposte che venivano date erano tutte corrette.

Isaac si convinse ancor di più quando Leah Fox, la sorella maggiore, dimostrò di essere una medium, comunicando con la loro figlia recentemente scomparsa.

Successivamente i Post affittarono la sala più grande di Rochester e venne organizzata la seduta spiritica più numerosa di tutti i tempi, quattrocento persone vennero a sentire i misteriosi rumori.

In seguito Amy Post accompagnò le sorelle in una camera privata, dove furono esaminate da un comitato di scettici, che non trovarono nessuna bufala.

L’idea che si potesse comunicare con gli spiriti era una completa novità.

Su angeli che si interfacciano con l’uomo, ma riguardo agli spiriti praticamente nulla.

Il movimento noto come “Modern Spiritualism” nacque da diverse filosofie distinte e personaggi rivoluzionari.

Le idee e le pratiche di Franz Anton Mesmer, un guaritore australiano del XVIII secolo, si erano diffuse negli Stati Uniti proprio in quel periodo.

Mesmer propose che tutto nell’universo, incluso il corpo umano, fosse governato da un “fluido magnetico” che poteva mescolarsi, causando malattie.

Agitando le mani sul corpo di un paziente, inducendolo in uno stato ipnotico che gli permetteva di manipolare la forza magnetica, poteva guarire cosi tutti i drammi delle persone. I “mesmeristi” divennero un’attrazione popolare nelle feste e nei salotti, alcuni addirittura abbastanza abili da attrarre clienti paganti. Alcuni  pazienti che si sono risvegliati dopo la trance mesmerica, hanno affermato di aver avuto visioni di spiriti da un’altra dimensione.

Il veggente americano del XIX secolo Andrew Jackson Davis, che sarebbe diventato noto come il “John the Baptist of Modern Spiritualism”, combinò mesmerismo e sedute spiritiche, sostenendo che:

“gli spiriti sono in connessione tra loro mentre uno è nel corpo del medium, gli altri sono nelle sfere superiori”.

 

Predisse che tutto il mondo acclamerà con gioia l’inaugurazione dell’era dello spiritismo, quando le menti degli uomini si apriranno, e la comunicazione spirituale sarà stabilita.

Davis credette che la sua predizione sarebbe avvenuta un anno dopo, proprio nel giorno in cui le sorelle Fox incanalarono gli spiriti nella loro camera da letto.

Le sorelle Fox, continuarono ad organizzare sedute spiritiche fino al 1888, quando la sorella Maggie decise di rilasciare un’intervista esclusiva, venendo ricompensata 1500$.

I rapporti tra sorelle si stavano incrinando vorticosamente e questa fu la dichiarazione:

Mia sorella Katie e io eravamo bambine molto piccole quando è iniziato questo orribile inganno. Di notte, quando andavamo a letto, legavamo una mela su un filo e muovevamo la corda su e giù, facendo sbattere la mela sul pavimento, o facevamo cadere la mela sul pavimento, facendo uno strano rumore con la bocca ogni qual volta che rimbalzava. Ci siamo specializzate dalla caduta della mela alla manipolazione delle nocche, per finire con la straordinaria capacità di scrocchiate le ossa delle dita dei piedi.

Continuò:

Un grande numero di persone quando sentono il “knock” immaginano subito che degli spiriti li stanno toccando.È un’illusione molto comune. Alcune persone molto facoltose sono venute a trovarmi alcuni anni fa quando vivevo sulle 42°, chiedendomi di organizzare sedute spiritiche. Ho battuto le nocche sulla sedia e una delle donne ha gridato: “Sento che lo spirito mi batte sulla spalla”. Ovviamente quella era pura immaginazione.

E fu così che il mito delle sorelle Fox si sgretolò. La crème de la crème newyorkese venne beffata da delle giovanissime campagnole. Lo spiritismo invece prese sempre più piede, modificandosi e ampliandosi. Tecniche sempre nuove vennero utilizzate per parlare con gli spiriti. Dalla tavoletta Ouija alla scrittura da parte di un medium.

Chi sente per la prima volta la storia delle sorelle Fox, crede ancora che delle ragazzine abbiano inventato quelle che sono le sedute spiritiche, con cui le persone erroneamente e pericolosamente continuano a giocarci ancora oggi.

Cresciuto a pane e horror, coltiva questa passione fin da piccolo che lo ha portato ad aprire Horror Stab insieme a Francesco per condividere questo meraviglioso genere con tutti i fan del genere.

Advertisement
Comments
Advertisement