Connect with us

SU DI NOI

Quella che vi raccontiamo è la storia di un sogno realizzato nel lontano 2011 da due ragazzi di una normalissima scuola superiore i quali diedero vita ad Horror Stab. Una passione unica, capace di unire passioni di migliaia di persone in tutta Italia ogni giorno.

Francesco & Gerardo

Tutto nasce nel 2011. Francesco chiede a Gerardo di aiutarlo a creare un sito internet per riunire tutti i film horror mai esistiti, data la grande passione dei due il sito prende forma anche se a rilento. All’inizio HS prevedeva solamente un database che conteneva i film horror, solamente a fine 2012 il sito diventa un portale che offre news e recensioni sui film horror. Fino al 2012 nessuna grossa novità, il sito non è indicizzato nei motori di ricerca e la gente fatica a trovarlo. Nel 2013 i ragazzi iniziano a gestire il sito in maniera migliore, riuscendo ad ottenere i primi 1000 iscritti.

Vecchio Logo Horror Stab

Vecchio Logo Horror Stab dal 2013 al 2016

Dal di qui in poi HS inizia la sua ascesa fino al 2015 dove dopo aver cambiato numerose versioni arriva ad avere 400.000 iscritti al solo sito internet. A fine 2015 per un attacco malware il sito viene quasi completamente azzerato. Nel 2016 in un tempo record il sito viene ricostruito e inizia a riposizionarsi sul mercato. Da quest’anno (2017) il sito è di nuovo propriamente in funzione,

Dopo questo un nuovo successo si aggiunge al sito: l’entrata in google news, targata Maggio 2017. Da questo momento Horror Stab espande il suo business.

Ad oggi Horror Stab conta 200.000 pagine viste mensilmente e più di 100.000 sessioni di utenze al mese, confermandosi uno tra i migliori siti web sull’horror in Italia. Il sito viene poi citato anche in questa lista redatta dal sito web Listalo CLICCA QUI (tra i migliori siti di Italia) 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

La vera storia della bambola assassina! STORIA COMPLETA👇 Siamo nel 1906 quando Robert Eugene Otto, a cinque anni, ricevette in regalo, da un servitore di origini africane, una bambola. Secondo la leggenda, tale servitore era un praticante della magia nera e di rituali voodoo, che gli donò la bambola per lanciargli una maledizione. Robert il bambolotto, omonimo del suo nuovo piccolo padrone diede il via a svariati inquietanti episodi: i genitori erano del parere che la bambola parlasse e i vicini sostenevano di averla vista addirittura muoversi durante la loro assenza, notando i suoi movimenti da una finestra all’altra parte della casa. Secondo alcune fonti, Robert Eugene era davvero ossessionato dalla bambola, al punto che da adulto, dopo essersi sposato con sua moglie Anne, fece allestire nell’abitazione di famiglia un’intera stanza per il piccolo Robert con tanto di mobili in miniatura. La moglie Anne dubitò più volte della sanità mentale del marito e spesso, nascondeva la raccapricciante bambola in soffitta; ma il legame tra Robert la bambola e Robert Eugene era troppo forte per essere spezzato, riuscivano sempre a ritrovarsi. Fino alla sua morte, avvenuta nel 1974, Robert Eugene sosteneva che la bambola fosse maledetta.La bambola rimase in soffitta fino a quando la casa non venne acquistata da un’altra famiglia. La nuova famiglia aveva una bambina di dieci anni, che trovò la bambola girovagando per la casa. Una notte la bimba gridò e affermò ai suoi genitori che la bambola l’aveva aggredita, nel tentativo di assassinarla. Ancora oggi, da adulta, continua a sostenere la presunta vitalità di Robert. Robert Oggi la bambola si trova ancora nella casa di Eugene, trasformata in un museo locale chiamato East Fort Martello Museum, dove desta ancora oggi molta curiosità e divenendo la maggiore attrazione della città. Infatti, secondo le varie testimonianze dei visitatori, i poteri paranormali della bambola sono ancora attivi. #dark #legend #scary #horror #creepy #death #mystery #horrormovies #notte #darkmemes #paranormal #storia #horrorart #fotodelgiorno #horroraddict #horrorjunkie #horrorfanatic #horrorfilm #horrorfamily #horrorcollector #horrorclub #horrorstories

Un post condiviso da Horror Stab - Storie Horror (@horror_stab) in data: