Connect with us

Published

on

Rambo Trailer – Hanno versato il primo sangue. Lui regola i conti.


Il teaser trailer di questo mese di Rambo: Last Blood è finalmente arrivato oggi, rivelando ciò che John Rambo di Sylvester Stallone ha fatto dall’ultima volta che l’abbiamo visto nel 2008. Sembra che abbia vissuto un’esistenza relativamente tranquilla ma naturalmente, quella pace sarà distrutta e sarà costretto a uccidere di nuovo.


In Last Blood, Rambo affronta il suo passato. Ed è dannatamente sicuro che non scenderà senza combattere.


Nella quinta puntata del franchise, quando la figlia di uno dei suoi amici viene rapita, Rambo, che ha lavorato in un ranch, attraversa il confine tra Stati Uniti e Messico e si ritrova rapidamente contro la piena forza di uno dei più violenti cartelli di droga messicani.


Sergio Peris-Mencheta (“Snowfall”) interpreterà l’ultimo avversario di Rambo. L’attore interpreterà il brutale leader del cartello, Hugo Martinez.
Protagonisti anche Yvette Monreal, Adriana Barraza, Paz Vega, Oscar Jaenada e Joaquin Cosio.


Adrian Grunberg ha diretto da una sceneggiatura di Matt Cirulnick e Stallone.


Rambo arriverà nei cinema USA a partire dal 20 settembre 2019.

Nato a pane e horror, fin da subito sviluppa una particolare ed accesa passione verso il mondo del cinema horror. La cosa non si è mai attenuata, ma anzi viene accentuata dopo la creazione di Horror Stab.

Advertisement
Comments
Advertisement

 

Visualizza questo post su Instagram

 

La vera storia della bambola assassina! STORIA COMPLETA👇 Siamo nel 1906 quando Robert Eugene Otto, a cinque anni, ricevette in regalo, da un servitore di origini africane, una bambola. Secondo la leggenda, tale servitore era un praticante della magia nera e di rituali voodoo, che gli donò la bambola per lanciargli una maledizione. Robert il bambolotto, omonimo del suo nuovo piccolo padrone diede il via a svariati inquietanti episodi: i genitori erano del parere che la bambola parlasse e i vicini sostenevano di averla vista addirittura muoversi durante la loro assenza, notando i suoi movimenti da una finestra all’altra parte della casa. Secondo alcune fonti, Robert Eugene era davvero ossessionato dalla bambola, al punto che da adulto, dopo essersi sposato con sua moglie Anne, fece allestire nell’abitazione di famiglia un’intera stanza per il piccolo Robert con tanto di mobili in miniatura. La moglie Anne dubitò più volte della sanità mentale del marito e spesso, nascondeva la raccapricciante bambola in soffitta; ma il legame tra Robert la bambola e Robert Eugene era troppo forte per essere spezzato, riuscivano sempre a ritrovarsi. Fino alla sua morte, avvenuta nel 1974, Robert Eugene sosteneva che la bambola fosse maledetta.La bambola rimase in soffitta fino a quando la casa non venne acquistata da un’altra famiglia. La nuova famiglia aveva una bambina di dieci anni, che trovò la bambola girovagando per la casa. Una notte la bimba gridò e affermò ai suoi genitori che la bambola l’aveva aggredita, nel tentativo di assassinarla. Ancora oggi, da adulta, continua a sostenere la presunta vitalità di Robert. Robert Oggi la bambola si trova ancora nella casa di Eugene, trasformata in un museo locale chiamato East Fort Martello Museum, dove desta ancora oggi molta curiosità e divenendo la maggiore attrazione della città. Infatti, secondo le varie testimonianze dei visitatori, i poteri paranormali della bambola sono ancora attivi. #dark #legend #scary #horror #creepy #death #mystery #horrormovies #notte #darkmemes #paranormal #storia #horrorart #fotodelgiorno #horroraddict #horrorjunkie #horrorfanatic #horrorfilm #horrorfamily #horrorcollector #horrorclub #horrorstories

Un post condiviso da Horror Stab - Storie Horror (@horror_stab) in data: