Connect with us
cosa vedere a londra cosa vedere a londra

In Evidenza

Cosa Vedere A Londra – Scopriamo Le 20 Mete Piu’ Suggestive

Published

on

11. London Dungeon

In Italia abbiamo Gardaland, Mirabilandia e molti altri parchi divertimenti. A Londra, invece, c’è il London Dungeon. Una sorta di luna park. Al suo interno sono presenti molte attrazioni molto inquietanti. Uno dei più grandi labirinti di specchi del mondo, la ricostruzione della grande pestilenza del 1665, la fedele ricostruzione dell’incendio che distrusse la maggior parte di Londra nel 1666. Queste sono solamente alcune. Ma quella che sarebbe più degna di nota è la famosa Traitor: Boat Ride To Hell dove i visitatori, a bordo di una nave, rivivono sulla propria pelle il tragitto e le sensazioni vissute dai condannati che venivano trasportati nella Torre di Londra.

12. Queen Elisabeth Hospital for Children

Di norma l’ospedale è il luogo in cui si va per farsi curare e guarire. Ma il Queen Elisabeth Hospitall for Children venne costruito per un altro motivo. Nella seconda metà del 1800 un’epidemia di colera colpì la Gran Bretagna e Londra fu il focolaio maggiore. Per poter tentare di curare almeno i bambini la Regina Elisabetta decise di far ereggere questo edificio. La cosa inquietante è che tutti i bambini “ospiti” dell’ospedale morirono. Nemmeno uno si salvò. E si dice che, in alcune notti, si possano ancora sentire le grida di dolore di queste creature.

13. The Greenwich Foot Tunnel

Un tunnel pedonale non dovrebbe destare nessuna paura. Ma il tunnel pedonale di Greenwich sembra uscito direttamente da una pellicola horror. Le sue tremolanti luci fosforescenti di colore verde pallido rimandano a scenari quanto mai inquietanti. Si dice che, chiunque si sia avventurato in questo luogo, abbia assistito, completamente inerme, all’apparizione e sparizione di strane ed eteree figure molto simili a personaggi in abiti vittoriani. Magari si tratta di un semplice scherzo di cattivo gusto di qualche burlone, ma potrebbe anche essere l’esatto contrario. Le figure che appaiono e scompaiono potrebbero essere esattamente ciò che sembrano: fantasmi.

14. Ten Bells Pub

Più di duecento anni fa Londra fu testimone di una serie di omicidi messi in atto da Jack Lo Squartatore. Una delle sue vittime, Annie Chapman, era la proprietaria di un pub chiamato Ten Bells. Alcuni avventori affermano di aver visto (e spesso percepito) distintamente la presenza di Annie in quel locale. Strani fenomeni avvengono. Ma nessuno può essere sicuro di cosa voglia effettivamente Annie e perché continui ad essere una presenza fissa. Forse nostalgia?

15. Tower Bridge

Per chi ama i panorami mozzafiato ecco che il Tower Bridge è la meta ideale. Con le sue torri gotiche ai due lati del Tamigi è da sempre considerato un must da visitare quando si decide di andare a Londra. Non è datato come la Torre a cui cui si collega ma le torri gotiche sono qualcosa di spettacolare. Non ci sono guardie in costume d’epoca e nemmeno racconti macabri e paranormali legati a questo ponte. Ma il fascino della passerella in vetro rimane una cosa spettacolare. Nato per permettere il transito alle grandi navi sul Tamigi ora è l’attrazione principale dei turisti. Fino agli anni ’70 gli ingranaggi che facevano alzare o abbassare il ponte erano operativi. Un sistema idraulico, sfruttando la forza del vapore (ora sostituito con il gasolio), permetteva al ponte di aprirsi a metà ed alzarsi per permettere il transito delle grandi navi. Ora, nella Torre Nord, è possibile visitare le Sale Macchine Vittoriane in cui è possibile vedere gli ingranaggi originali.

16. Drury Lane Theatre

Definito “il teatro più infestato della Gran Bretagna” non potevamo non citare il Drury Lane Theatre. Situato in Covent Garden fu utilizzato per molti spettacoli serali. Ma una cosa lo contraddistingue: quando cala il sipario e le luci si spengono ecco che, improvvisamente, un’orchestra di spettri inizia a suonare. Gli abitanti di questo luogo stanno dietro le quinte ad aspettare che tutti siano usciti per poi iniziare il loro concerto. Ma non solo musicisti risiedono in questo teatro. Anche attori hanno scelto di abitarci. L’Uomo Grigio è uno di loro. Una figura con sembianze nobili e armato di spada. Si dice sia il fantasma di un uomo trovato morto con un pugnale in corpo e murato all’interno del teatro nel 1848. Da quel giorno il suo spirito dimora in questo luogo.

17. Big Ben

Ora però, rimessi i panni dei turisti normali, diamo un’occhio in giro e ci troviamo davanti una sorta di matita enorme. È il Big Ben. Fa parte del castello di Westminster. Il nome, all’inizio, si riferiva soltanto alla campana presente sulla sommità, ma poi ha preso il sopravvento andando ad indicare anche l’orologio e l’intera torre. I suoi rintocchi suonano ogni quarto d’ora. In principio la campana avrebbe dovuto chiamarsi Great Bell. Ma ci sono diverse leggende in merito al nome. Alcuni sostengono si un’omaggio a Benjamin Hall (il membro della camera dei Comuni che supervisionò i lavori), altri sostengono che si riferisca al nome del campione dei pesi massini Benjamin Caunt. La campana, quando rintocca, emette una nota ben precisa: un Mi a 118 dB. Il suo suono si ode a più di 2 km di distanza. La musica che si sente è opera del compositore William Crotch che si ispirò ad una frase del Messiah di Handel. Le campane presenti sono quattro e sono accordate ognuna con una nota diversa (La3, Sol3, Fa3 e Do 3). I rintocchi delle ore sono diversi da quelli che si sentono ogni quarto d’ora e sono accordi in Mi2.

18. London Eye

Detta anche London Eye, perché da essa si vede tutta Londra, la London Wheen è una ruota panoramica. Situata sulla riva sud del fiume Tamigi si può guardare Londra dall’alto. Il suo nome, a seconda di chi sponsorizzasse il suo funzionamento, cambiò molte volte (British Airways London Eye, Merlin Enterntainment London Eye poi ancora EDF Energy London Eye ed, infine, dal 2012 è diventata lastminute.com London Eye). Tony Blair, l’allora primo ministro inglese, la inaugurò il 31 ottobre 1999 ma essa non entrò subito in funzione, per una serie di problemi tecnici, fino al mese di Marzo del 2000. L’autorizzazione avrebbe dovuto essere per soli 5 anni ma il Lambeth Council decise di rendere questa attrazione permanente.

19. Trafalgar Square

Chi non ricorda il famosissimo Horatio Nelson? Colui che sconfisse le flotte di Francia e Spagna nel corso delle guerre napoleoniche. In questo luogo, qualche secolo fa, c’erano le stalle reali. Dopo il loro trasloco a Buckingham Palace, John Nash decise di prendere in mano i lavori e di trasformarla completamente. Una componente fondamentale di questa piazza, come Piazza San Marco a Venezia, sono i piccioni. Ma non erano una presenza molto gradita in quanto il loro guano corrodeva e macchiava le statue presenti nelle varie fontane della piazza. Un’enorme ed altissimo pilastro al centro di Trafalgar Square ricorda la figura di questo combattente che rischiò più volte la vita per il bene dell’Inghilterra.

20. National Gallery

Da questa piazza si può raggiungere Buckingham Palace percorrendo The Mall, la House of Parliament passando per Whitehall e la City (il cuore pulsante ed economico di Londra) attraverso lo Strand. E’ presente, in questa piazza, il museo probabilmente più famoso del mondo: la National Gallery. Al suo interno vi sono molte opere italiane. Da Botticelli, Michelangelo, Raffaello, fino alla Venere di Bilendorf, e ovviamente non possono non mancare le opere contemporanee che lasciamo estasiato chiunque vi entri. Dal 2015 il direttore del museo è lo storico dell’arte Riberto Finaldi.

 

 

Pagine: 1 2

Continue Reading
Advertisement
Comments

Telegram

Facebook

Novità Film

Storie Vere Horror

Recensioni